AGRIFOGLIO: CONSIGLI PER LA COLTIVAZIONE

AGRIFOGLIO: CONSIGLI PER LA COLTIVAZIONE

agrifoglio-4La coltivazione delle piante di Agrifoglio è molto semplice e offre grandi soddisfazioni sia nel periodo primaverile sia in quello invernale, perchè alterna dei bellissimi piccoli fiori bianchi o rosa nella bella stagione, che si trasformano in bacche rosse in inverno, dette drupe.

L’Agrifoglio (il cui nome scientifico è Ilex Aquifolium) è un vero e proprio albero e può superare anche i 10 metri d’altezza. Ha una forma piramidale, una corteccia grigia e tante foglie brillanti e coriacee, di color verde scuro, che possono essere differenti sulla stessa pianta: spesso sono più pungenti nella parte bassa, per difendersi dai predatori, e più liscie nella parte alta.

Spesso viene utilizzato come siepe protettiva, poichè le foglie spinose tengono lontani ospiti indesiderati.

LA COLTIVAZIONE DELL’AGRIFOGLIO

L’Agrifoglio è una pianta rustica che si adatta a molteplici ambienti ed è molto diffusa nelle zone dal clima mite e temperato. Si può coltivare sia in piena terra sia sul terrazzo in un vaso. Con la coltivazione in vaso la pianta crescerà meno ovviamente. I suoi rami sono perfetti per creare decorazioni natalizie perchè una volta recisi resistono a lungo.

Esistono più di 400 varietà e tantissimi ibridi di Ilex e alcuni sono sempreverdi mentre altri perdono le foglie. In generale sono piante adatte per la coltivazione in giardino e l’Ilex meserveae cresce anche a temperature al di sotto dello zero, resistendo fino a -15°C. Meglio comunque informarsi all’atto dell’acquisto, poichè alcune varietà sopportano meno il gelo. L’Ilex Aquifolium, protetto in Italia, resiste al freddo e ha normalmente la forma di cespuglio. In inverno è sempre meglio proteggerlo con un telo di tessuto non tessuto e coprire la base della pianta con uno strato di pacciamatura.

agrifoglio agrifoglio agrifoglio

Soprattutto in inverno, l’Agrifoglio ama la luce e l’esposizione diretta ai raggi solari, ma nelle zone dal clima molto caldo è meglio posizionarlo a mezz’ombra. Mai esagerare con il sole.

Non necessita di molti interventi di manutenzione e resiste a lungo senza essere bagnato. Durante il periodo estivo si consiglia di annaffiarlo ogni 15-20 giorni, senza però inzuppare le radici per evitare marciumi.

E’ invece importante una corretta concimazioni, per avere una pianta e fioriture rigogliose. Durante i mesi più caldi possiamo utilizzare un concime liquido per piante fiorite, da aggiungere all’acqua per irrigazione ogni 15 giorni, per stimolare lo sviluppo dei fiori e la vegetazione. In inverno invece è meglio utilizzare un concime organico, per esempio uno stallatico pelletato, da distribuire ai piedi della pianta.

Non è necessario potare l’Agrifoglio, se non per correggere la forma e la simmetria della pianta all’inizio dell’estate.

ATTENZIONE ALLA TOSSICITA’

Benché le bacche dell’Agrifoglio siano molto apprezzate dagli uccellini selvatici, sono tossiche per l’uomo, così come anche le foglie. Il contenuto di ilicina può infatti irritare stomaco e intestino provocando vomito, diarrea e aumento della diuresi. L’ingestione di due bacche dà già problemi e più di venti bacche possono essere letali per un adulto.

ILEX VERTICILLATA FEMMINA agrifoglio ilex meserveae agrifoglio ilex variegato

Share this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *