FRUTTI DI BOSCO: BUONI, FACILI DA COLTIVARE E MANTENGONO GIOVANI

FRUTTI DI BOSCO: BUONI, FACILI DA COLTIVARE E MANTENGONO GIOVANI

I frutti di bosco, detti anche frutti minori, sono facili da coltivare e non necessitano di particolari condizioni climatiche per svilupparsi. Hanno bisogno di poco spazio per crescere e possono essere coltivati tranquillamente sul terrazzo, a ridosso di un muro o di una recinzione. Inoltre, durante la bella stagione, queste piante si riempiono di fiori e dolci frutti, donando un doppio piacere a chi le possiede. Anche perchè gli alimenti ricchi di vitamina A, C ed E combattono i radicali liberi.

Il Lampone è un arbusto ricadente che può arrivare fino a due metri di altezza. L’apparato radicale è perenne mentre la vegetazione ha un ciclo biennale. In primavera fuoriescono dal terreno i nuovi rami chiamati polloni, che a fine stagione lignificano per resistere alle rigide temperature invernali. La primavera seguente, i polloni emettono fiori bianchi e piccoli germogli fruttiferi dai quali spunteranno i Lamponi. È una pianta che predilige terreni sub-acidi, ben drenati e ricchi di sostanze organiche.

La Mora di rovo è una pianta rampicante vigorosa, eccellente per decorare muri, pergole e staccionate. La fioritura avviene in primavera: su ogni ramo si sviluppano una decina di fiori che in estate danno luogo al frutto della Mora. Il terreno perfetto è privo di calcare, acido e ricco di humus. Come il Lampone, la Mora è una pianta biennale, perciò in inverno bisognerà potare i tralci che hanno fruttificato.

Il Mirtillo è un arbusto cespuglioso, particolarmente apprezzato come pianta decorativa. In primavera si riempie di fiorellini bianchi e in autunno le sue foglie si tingono di un rosso vivo. Per ottenere una buona fruttificazione è consigliabile piantare minimo due piante insieme, a un metro di distanza l’una dall’altra. Il trapianto va eseguito in primavera, preferibilmente in terra acida. Il Mirtillo teme i terreni aridi e calcarei, resiste al freddo e preferisce luoghi ombreggiati non troppo caldi.

PIANTE CHE FANNO BENE ALLA SALUTE

Gli alimenti ricchi di vitimina A, C ed E insieme a minerali come il selenio, il rame e lo zinco, hanno un potere antiossidante. Cioè combattono i radicali liberi, causa dell’invecchiamento cellulare e dell’insorgenza di numerose malattie e forme tumorali. Per classificare i vari alimenti, il Dipartimento dell’Agricoltura statunitense (Usda) ha elaborato la scala ORAC (Oxigen Radical Absorbance Capacity), basata sul potere antiossidante dei vegetali, che stabilisce che 5.000 unità ORAC sono il quantitativo quotidiano sufficiente per proteggersi dai radicali liberi.

Tra i primi posti troviamo i frutti di colore rosso e viola, tra i quali molti frutti di bosco: uva, mirtilli, more e fragole sono nelle prime posizioni. Una tazza di more contiene 1.466 unità ORAC e 1 tazza di mirtilli 3.480 unità, pari a 30 pomodori o 66 albicocche. Bastano 2 tazze di ottimi mirtilli al giorno per mantenere giovane la pelle e difendersi dai radicali liberi.

 Alimento

Porzione

Unità Orac

 Succo di uva nera

1 bicchiere

5.216 unità

 Mirtilli

1 tazza

3.480 unità

 Cavolo verde

1 tazza

2.048 unità

 Spinaci

1 tazza

2.042 unità

 Barbabietola

1 tazza

1.782 unità

 More

1 tazza

1.466 unità

 Prugne nere

3 pezzi

1.454 unità

 Cavoli di Bruxelles

1 tazza

1.384 unità

 Succo di pompelmo

1 bicchiere

1.274 unità

 Pompelmo rosa

1 pezzo

1.188 unità

 Fragole

1 tazza

1.170 unità

www.ars.usda.gov

Share this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *