I LAVORI DEL MESE DI APRILE NELL’ORTO

I LAVORI DEL MESE DI APRILE NELL’ORTO

I lavori del mese di aprile nell’orto sono favoriti dall’aumento delle temperature, che si rendono più miti e sono quindi ideali per iniziare a seminare e a trapiantare in piena terra le piantine che sono iniziate a crescere nei semenzai nelle settimane precedenti, ma anche a dedicarci ad altri lavori.

I lavori del mese di aprile nell’orto con luna calante

Durante la luna calante del mese di aprile possiamo quindi dedicarci alla vangatura, letamatura e sarchiatura del terreno: queste procedure di rimescolamento dello strato superficiale del terreno e il conseguente utilizzo dei concimi ci permetteranno di distruggere le erbe infestanti, riequilibrare l’umidità e l’arieggiamento del suolo e renderlo più produttivo.

Esistono molti concimi, ma si consiglia sempre l’utilizzo di quelli naturali, come il letame equino, quello bovino, la pollina e il compost, quest’ultimo ricavato dal riciclo dei rifiuti alimentari.

Sempre durante la luna calante possiamo effettuare altri lavoretti, come rincalzare le patate, portando ulteriore terriccio alla base delle piante, per prevenire l’inverdimento dei tuberi più superficiali (si ricorda che esporre le patate al sole può renderle verdi e quindi assolutamente non commestibili!), mettere i tutori ai legumi rampicanti e trapiantare all’aperto la cipolla colorata.

Raccoglieremo gli ultimi ortaggi della stagione invernale, come i finocchi, carciofi e cavolfiori e potremo iniziare anche a raccogliere qualche ortaggio primaverile, sopratutto se piantato per tempo: piselli, rucola, lattuga, prezzemolo, ravanelli, cipolle, spinaci, radicchio.

I lavori del mese di aprile nell’orto con luna crescente

La fase della luna crescente, invece, è più incentrata nella semina e nel trapianto.

Semineremo quindi in vasetto o in semenzaio protetto l’anguria, il melone, la zucca e la zucchina, e in dimora all’aperto (seminati o trapiantati) la barbabietola, la carota, il cetriolo, il coriandolo, il crescione, il cumino, i fagiolini, i fagioli, il pomodoro, il prezzemolo, il ravanello e la rucola.

Share this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *