LE ROSE ANTICHE: PER CHI AMA I PROFUMI

LE ROSE ANTICHE: PER CHI AMA I PROFUMI

Rose AnticheLe Rose antiche sono varietà bellissime, ricche di petali molto profumati che fioriscono in abbondanza una sola volta l’anno, da maggio a giugno. Queste varietà non hanno la capacità di rifiorire in estate e in autunno, ma alcuni rosai antichi dopo la fioritura producono bacche di forma e colore interessante che perdurano sulla pianta per tutto l’inverno.

Per “Rose antiche” si intendono le Rose botaniche e le varietà da esse ricavate dai rosaisti prima del 1900, ma il gruppo comprende anche alcune specie botaniche spontanee. Tra le varietà più rinomate vale la pena di conoscere la “Chapeau de Napoleon”, che prende il nome dalla curiosa forma delle sue bacche, simili al cappello del generale francese, mentre la “Baron Giraud de l’Ain” produce dense corolle color porpora.

ROSE ANTICHE: COME CURARLE

Rose AnticheRustiche e resistenti, il luogo ideale dove coltivarle è in pieno sole, con qualche ora di ombra al giorno. Non temono né il caldo torrido, né il gelo anche intenso fino a -20° C e sono molto indicate per decorare giardini come esemplari singoli, oppure per creare bordure e siepi basse.

Si tratta di Rose poco adatte alla vita in vaso e possono essere coltivate solo in grande contenitori, rinnovando il terriccio superficiale ogni anno in marzo.

In giardino le irrigazioni sono necessarie nel primo anno dopo l’impianto e in seguito vanno limitate all’estate e in periodi particolarmente aridi; se vengono coltivate in vaso, le irrigazioni devono essere regolari per tutta la bella stagione.

Si concimano in marzo, maggio e settembre con un prodotto a lenta cessione specifico per Rose. I fiori appassiti non vanno eliminati e la potatura si effettua una sola volta l’anno, tra gennaio e febbraio.

altea rosabella concime organicocompo terriccio per rose sacco 20 litricompo terriccio per rose sacco 50 litri

Share this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *