LE VESPE IN GIARDINO NON SONO PIU’ UN PROBLEMA

LE VESPE IN GIARDINO NON SONO PIU’ UN PROBLEMA

Le punture delle vespe possono essere pericolose, soprattutto per bambini e soggetti allergici. La reazione al veleno iniettato con la puntura può andare da un forte dolore a fenomeni allergici gravi come lo shock anafilattico. Fortunatamente le vespe non pungono l’uomo se non si sentono minacciate, ma stargli alla larga risulta difficile quando decidono di nidificare nei sottotetti e nei balconi delle nostre case. Come fare?

Per evitare di incorrere in situazioni pericolose è bene rimuovere il nido subito, quando è ancora piccolo. Se il nido è molto grande o situato in un luogo difficilmente accessibile è sconsigliabile agire da soli ed è meglio chiamare i vigili del fuoco o un disinfestatore specializzato.

vaspeSe invece il nido è di ridotte dimensioni potrete rimuoverlo voi stessi con le necessarie precauzioni. La prima cosa da fare è proteggere le mani e il viso in modo adeguato, per evitare eventuali punture. È consigliabile agire di notte o la mattina presto, quando le vespe sono inattive, utilizzando un insetticida per imenotteri ad azione abbattente immediata. Un prodotto valido deve possedere una lancia che permetta di erogare il prodotto a distanza, infatti è altamente sconsigliato avvicinarsi a più di due metri dal favo durante la disinfestazione.

Una volta che il nido è inattivo potrete distruggerlo bruciandolo, per evitare che le vespe si ripresentino. In questi casi è meglio spruzzare, a scopo preventivo, un insetticida spray con azione abbattente e residuale nei luoghi dove le vespe tendono a nidificare.

Se le vespe invadono il vostro giardino ma non avete ancora individuato il nido, potete comunque difendervi con delle trappole per vespe. Si tratta di semplici contenitori da riempire con acqua, zucchero o miele, che attirano le vespe imprigionandole al loro interno. In caso di piccole infestazioni può rivelarsi un’efficace soluzione, con il vantaggio di essere del tutto ecologica.

Share this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *