MARZO: I LAVORI NELL’ORTO

MARZO: I LAVORI NELL’ORTO

Durante il mese di marzo, i lavori da svolgere nell’orto sono principalmente volti a creare un buon letto di semina per le colture primaverili. Prima di tutto bisogna assicurarsi che l’orto si trovi in una zona soleggiata, dopodichè bisognerà eliminare le eventuali erbacce cresciute e zappare a fondo la terra, al fine di smuovere le zolle. Per rendere il terreno più fertile è fondamentale concimare l’orto con un concime organico biologico, per esempio uno stallatico pellettato (che non puzza!), ricco di elementi nutritivi e sali minerali.

L’ORTO A MARZO: SEMINARE IN SERRA E IN GIARDINO

Se si possiede una serra con temperatura stabile, si possono incominciare a seminare alcuni ortaggi nei semenzai; è possibile farlo anche in casa se c’è una zona molto luminosa e protetta. Possiamo iniziare da pomodori, melanzane, peperoni, zucchine, sedano, carote, piselli, ma anche erbe aromatiche come basilico, menta, origano, maggiorana. Germoglieranno in una posizione luminosa e umida, ed è importante controllarle molto spesso ed effettuare un diradamento quando necessario. Il substrato di semina va conservato sempre appena umido, utilizzando il nebulizzatore e appoggiando i vasetti in un largo sottovaso colmo di argilla espansa immerse in un velo d’acqua. In questo modo l’acqua evaporata genererà un microclima umido utile per la germogliazione e le prime fasi di sviluppo della piantina. Quando le piante saranno lunghe qualche centimetro potranno essere trapiantare nei vasi in balcone o in giardino, ma solo a patto che la temperatura esterna rimanga stabilmente superiore ai 15°C.

Nell’orto in giardino è possibile anticipare la semina di molti ortaggi, proteggendo l’orto con un velo in non tessuto: si prestano per questo tipo di semina lattughe, cipolle, radicchio, spinaci, rucola ravanelli.

compo bio orto e seminaseminatrice a siringavelo protezione orto

Share this article

1

Comment on “MARZO: I LAVORI NELL’ORTO”

  1. Stefano scrive:

    Molto interessante, grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *