RIDIAMO VITA AL LAGHETTO

RIDIAMO VITA AL LAGHETTO

Anche nei giardini più piccoli, nei semplici orti e persino sulle terrazze non dovrebbe mai mancare un elemento acquatico: per esempio una piccola fontana, una mini cascatella o un laghetto che ospiti qualche pianta acquatica. Per tutti questi elementi non serve molto spazio e nemmeno un grande investimento, mentre l’effetto della presenza di uno specchio d’acqua, si mostrerà subito benefico sia per il nostro giardino sia per gli animali che lo abitano.

LAGHETTO: I 10 INTERVENTI DI PRIMAVERA

Chi possiede già un laghetto, in Aprile può finalmente mettere in acqua le piante acquatiche ricoverate in casa. Prima di metterle a dimora, è bene porre del concime granulare a lenta cessione nella terra in cui sono coltivate, o discioglierlo nell’acqua.

Torna inoltre l’epoca dei controlli, da effettuare a scadenze periodiche. Dobbiamo verificare il livello dell’acqua e rabboccarla se necessario, controllare il funzionamento delle attrezzature e assicurarci della buona salute dei pesci quando escono per mangiare.

Una volta a settimana bisogna misurare nell’acqua i valori di ossigeno, pH e temperatura ed è bene ripulire il laghetto da foglie, alghe ed eventuali organismi morti.

Si deve poi pulire il filtro e il materiale filtrante e mensilmente vanno controllati il tasso di nitrati e dei fosfati, e la durezza carbonatica. Se i valori dell’acqua non vanno bene, si può intervenire con dei prodotti per laghetti che puliscono e migliorano la qualità dell’acqua, chiarificandola e eliminandone in maniera naturale l’intorbidimento e il cattivo odore.

Un ultimo lavoro di manutenzione da eseguire in primavera è il controllo dei bordi del laghetto o della fontana, al fine di accertarsi che l’acqua non defluisca per capillarità, eliminando anche erbe e piantine indesiderate.

Foto: Tetra

tetra pond aquacleantetra pond aquasafetetra pond crystalwater

 

Share this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *