ROSE VERSO LA PRIMAVERA: POTATURA E CONCIMAZIONE

La potatura delle rose spaventa sempre un po’ i giardinieri alle prime armi, ma in realtà è una pratica molto importante per le piante. Come spesso succede nel giardinaggio, per diventare un buon potatore ci vogliono tempo e pratica, ma sappiate che vi dovete impegnare molto per uccidere una rosa a causa di una cattiva potatura. Diciamo subito che non tutti i tipi di rose devono essere potati, ma se avete intenzione di farlo l’inizio della primavera è il periodo giusto: potare prima che le gemme si aprano, farà sì che il cespuglio di rose crescerà con più energia.

 

La potatura delle rose ha quattro obiettivi in particolare: incoraggiare la crescita e la fioritura, rimuovere le parti secche, migliorare la circolazione dell’aria e dare una forma alla pianta. Gli attrezzi necessari sono una cesoia by pass, che garantisce un taglio pulito e non schiaccia il ramo (come dicevamo qualche settimana fa), e un paio di guanti per proteggervi dalle spine.

La potatura inizia della rimozione dei rami secchi e rachitici, per poi seguire con quelli troppo vecchi e quelli che danno una forma sbagliata alla pianta. Ricordatevi di usare sempre cesoie pulite e taglienti e di iniziare dalla base della pianta. Rimuovete 2/3 della lunghezza dei rami, mantenendo 2 o 3 gemme nella parte inferiore (4/5 nei rami più vigorosi). Oltre alla potatura primaverile, è consigliabile ridimensionare di 1/3 la lunghezza del ramo dopo le prime fioriture e procedere in inverno con una potatura di pulizia e di ridimensionamento.

In questo periodo è molto importante anche una buona concimazione. Ripulite la base della pianta di rose dalle erbacce e utilizzate un fertilizzante specifico per le rose. Si può optare per un fertilizzante liquido o a lenta cessione: nel primo caso dovremo effettuare delle concimazioni frequenti, mentre nel secondo caso – essendo a lenta cessione – sarà più saltuario.

rose

rose

I disegni e il video sono di Meilland Ricardier, uno dei più importanti produttori francesi di rose.

Share this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *